Dieta Dukan: come funziona, vantaggi e contro

 

Pubblicato il: 29/12/2019
Aggiornato il: 20/09/2020

Scritto da:

Certamente chiunque avrà sentito parlare di “Dieta Dukan”, con la quale si fa riferimento all’ormai noto e chiacchierato regime alimentare firmato dal medico Pierre Dukan che ha fatto molto discutere. Scopriamo in questa guida come funziona la dieta di Pierre Dukan, quali sono le 4 fasi, i vantaggi, gli svantaggi e lo schema settimanale.

Dieta Dukan: come funziona?

La Dieta Dukan è una dieta iperproteica articolata in più fasi e sulla quale sono stati puntati i riflettori della scienza e dei ricercatori che hanno fatto scattare un campanello d’allarme.

Infatti, la Dieta Dukan è basata principalmente sulla quasi totale eliminazione dei carboidrati e l’imperativo di riduzione ai minimi termini di verdura e frutta.

Già solo da questo, ben si comprende che potrebbe non essere il modo più giusto per perdere peso, in quanto vengono meno nutrienti fondamentali per la salute dell’organismo.

La Dieta Dukan, infatti, ha portato il suo ideatore ad essere radiato dall’ordine professionale dei medici, in quanto la “prescrizione alimentare” risulta oltre modo rischiosa e, soprattutto, abbandona il paziente a se stesso in quanto non viene stabilito alcun rapporto con lo specialista ed il piano di dimagrimento viene gestito in modo totalmente autonomo.

Dieta Dukan Fasi: quali sono?

La Dieta Dukan si basa su quattro fasi: alla fase d’attacco seguono quella di crociera, di consolidamento e, in ultimo, quello di stabilizzazione, ognuna delle quali prevede l’inserimento di nuovi alimenti consentiti, per come vedremo nel dettaglio.

  1. Fase di attacco: la Dieta Dukan è inaugurata con una notevole perdita di peso, dovuta ad un regime alimentare esclusivamente proteico, nel quale non si può assolutamente utilizzare l’olio che viene dunque sostituito da una serie di spezie. Obbligatoria è l’assunzione quotidiana di un cucchiaio e mezzo di crusca d’avena. La fase d’attacco dura dai tre ai dieci giorni.
  2. Fase di crociera (o mantenimento): la seconda fase è quella più lunga, in quanto si concluderà con il raggiungimento del peso ideale. In questo periodo è prevista l’introduzione delle verdure da consumare sì a volontà, ma solo in determinati giorni per come indicato da Dukan. I cucchiai di crusca d’avena diventano due e, tra gli altri alimenti, possono essere introdotti anche yogurt magro, latte di soia, mozzarella light, formaggio spalmabile ed una serie di altri ingredienti, da consumare solo nelle quantità e nei tempi specificati.
  3. Fase di consolidamento: la terza fase della Dieta Dukan prevede un giorno in cui si devono consumare esclusivamente proteine, i cucchiai di crusca d’avena diventano due e mezzo al giorno e, a questo punto, si inseriscono anche piccole dosi di carboidrati e frutta. Per calcolare il numero preciso dei giorni della fase di consolidamento bisognerà seguire la seguente formula:

Chili persi X 10

Esempio: se si sono persi 8 chili, il risultato sarà 80, numero che indicherà il totale dei giorni della fase di consolidamento.

  1. Fase di stabilizzazione: in questa fase si ha un ritorno alla “normalità”. Il “paziente”, pur tornando ad un’alimentazione tradizionale, dovrà prevedere un giorno (consigliato il giovedì) di sole proteine e non rinunciare mai a tre cucchiai di crusca d’avena.

Qualsiasi fase prevede per ogni giorno:

  • bere moltissima acqua
  • eliminare lo zucchero
  • fare movimento.

Dieta Dukan: vantaggi e svantaggi

La Dieta Dukan porta a risultati visibili ed immediati e garantisce un notevole dimagrimento già nella fase di attacco, dall’altro lato l’eccesso di proteine – prolungato nel tempo – potrebbe incidere sul regolare funzionamento degli organi ed espone l’organismo al rischio dello sviluppo di patologie tumorali.

Buttare giù i chili di troppo con il metodo ideato da Pierre Dukan, porta anche ad una drastica riduzione di sali minerali, fibre e vitamine necessarie per evitare – rispettivamente - eccessiva stanchezza ed altri disturbi a livello intestinale.

Infine, è doveroso sottolineare che – in qualsiasi dieta che sia ben fatta – sono inseriti tutti i nutrienti di cui l’organismo ha bisogno per evitare stress.

Dieta Dukan: Alimenti da includere

Ogni fase della dieta Dukan ha il suo modello dietetico.

Ecco quali sono gli alimenti da includere nel tuo menù settimanale:

  • carne di manzo magro, vitello, cervo, bisonte e selvaggina
  • carne di maiale magra
  • pollame senza pelle
  • fegato, rene e lingua
  • pesce e molluschi (tutti i tipi)
  • uova
  • prodotti lattiero-caseari senza grassi, come latte, yogurt, ricotta e ricotta
  • tofu e tempeh
  • seitan, un sostituto della carne a base di glutine di grano
  • dolcificanti artificiali illimitati, shirataki e gelatina dietetica
  • piccole quantità di succo di limone e sottaceti
  • 1 cucchiaino (5 ml) di olio al giorno.

Dieta Dukan: alimenti da aggiungere nella Fase di consolidamento

Ecco i cibi da aggiungere (piccole quantità) nella fase di consolidamento:

  • Spinaci, cavoli, lattuga e altre verdure a foglia verde
  • Broccoli, cavolfiori, cavoli e cavoletti di Bruxelles
  • Peperoni
  • Asparago
  • Carciofi
  • Melanzana
  • Cetrioli
  • Sedano
  • Pomodori
  • Funghi
  • Fagioli verdi
  • Cipolle, porri e scalogni
  • Zucca di spaghetti
  • Zucca
  • Rape
  • 1 porzione di carote o barbabietole al giorno.

 

Commenti (0 commenti)

Scrivi un commento

Nome

Cognome

Nickname *

Email *

Commenta *

Articoli Correlati

Dieta vegana e cobalamina: i consigli dei nutrizionisti

Pubblicato il: 22-12-2019

Scritto da: Jacqueline Facconti

Cosa mangiare a colazione vegan?

Pubblicato il: 29-12-2019

Scritto da: Jacqueline Facconti

Perché il vegano non mangia miele?

Pubblicato il: 05-01-2020

Scritto da: Jacqueline Facconti

Vesaola: cos’è il muscolo di grano?

Pubblicato il: 12-01-2020

Scritto da: Jacqueline Facconti